Come scegliere un dispositivo ottico. Cannocchiali, binocoli e telescopi sotto la lente d’ingrandimento!

Benvenuto nel miglior sito di recensioni sui principali strumenti ottici quali telescopio, cannocchiale e binocolo, dispositivi ottici che ci permettono di vedere il mondo da un’altra prospettiva.

dispositivo ottico telescopioIngrandire un’immagine non sarà più un problema così come trovare il miglior strumento ottico per osservare il mondo che ci circonda, sia semplicemente per avvicinarlo ai nostri occhi, sia per comprenderlo meglio osservando ciò che ad occhio nudo è impossibile vedere.

Con il termine dispositivo ottico o uno strumento ottico si indica un dispositivo atto a processare onde luminose per migliorare la visione di un’immagine.

È possibile suddividere tali strumenti in 5 grandi categorie

  1. occhialeria
  2. strumenti di osservazione e di misura
  3. strumenti fotografici
  4. strumenti d’illuminazione
  5. strumenti speciali

In questo sito andremo ad approfondire la seconda macro categoria, quella degli strumenti di osservazione e di misura.

In particolare ci soffermeremo sui dispositivi ottici più conosciuti che servono per ingrandire un’immagine, per avvicinare ai nostri occhi ciò che è distante e poterne osservare i dettagli.

Analizzeremo strumentazione sia professionale che amatoriale, per adulti ma anche per bambini che molto spesso, già dalla più tenera età, sono affascinati dai dispositivi ottici che aumentano la loro capacità di esplorazione.

Per semplicità di consultazione suddivideremo questo sito in 3 grandi zone bene distinte tra loro e facilmente consultabili dal menu:

  1. Cannocchiale
  2. Binocolo
  3. Telescopio

All’interno della sezione dedicata ai cannocchiali vedremo sia la classe dei cannocchiali terrestri che quella dei cannocchiali astronomici, validi anche per l’osservazione della luna e dei pianeti più vicini.

Stesso discorso sarà per fatto per i binocoli astronomici, solitamente preferiti per la loro portabilità, e con i quali ci si può avvicinare all’astronomia.

Il nostro scopo sarà quello di provare a consigliare la migliore soluzione che possa soddisfare coloro che sono alla ricerca del proprio strumento ottico e cercano informazioni in un settore che, anche se a prima vista sembra semplice, in realtà nasconde molte insidie e molte difficoltà di carattere tecnico.

Cercheremo di utilizzare un linguaggio semplice e senza dilungarci in spiegazioni tecniche che, per coloro che non sono esperti del campo dei dispositivi ottici, sono secondarie rispetto al capire il reale utilizzo e le potenzialità di uno strumento in modo da realizzare in modo semplice e rapido se può essere idoneo per le proprie necessità.

Vediamo dunque in modo sintetico alcune caratteristiche e alcuni termini che obbligatoriamente ci ritroveremo più avanti durante le nostre recensioni.

Binocolo, telescopio o cannocchiale? Cenni sulle differenze tra i vari strumenti ottici e rendimenti.

Tutti gli strumenti ottici che vedremo si differenziano tra loro sia per utilizzo che per caratteristiche tecniche.

La prima e più evidente differenza è la finalità di utilizzo.

Cannocchiale e binocolo sono dispositivi ottici utilizzati prevalentemente per l’osservazione ravvicinata di oggetti terrestri, il telescopio è finalizzato all’osservazione astronomica.

telescopio astronomicoAltra divergenza molto lampante è sulla modalità di utilizzo, ad esempio la differenza tra il binocolo e tutti gli altri strumenti ottici che vedremo è che il primo si utilizza con entrambi gli occhi.

Poi ci sono differenza tecniche non ravvisabili senza opportuni approfondimenti, come ad esempio la differenza tra un cannocchiale e un telescopio astronomico è che il primo fornisce immagini dritte anziché capovolte, oppure i rifrattori con l’obiettivo fatto di lenti o i riflettori nei quali la focalizzazione si ottiene con l’utilizzo di specchi.

Il principio di fondo è lo stesso per tutti i dispositivi ottici: le onde luminose emesse dall’oggetto osservato vengono deformate dalle parti ottiche e infine escono dall’oculare per entrare nell’occhio dell’osservatore.

Quindi un dispositivo ottico è a tutti gli effetti uno strumento ottico che si interpone tra osservatore ed oggetto da osservare modificando le onde luminose, le stesse che sarebbero comunque arrivate all’occhio dell’osservatore, in modo da creare dei benefici e dunque modificandole affinché acquistino all’uscita delle caratteristiche più consone all’osservazione.

Dunque la differenza tra osservare un oggetto in lontananza ad occhio nudo ed osservarlo, ad esempio, mediante un cannocchiale è nelle onde luminose che non cambiano ma vengono semplicemente modificate per ottenere un risultato con benefici geometrici, ottici e fotometrici.

Quando dunque ci domandiamo quale sia ad esempio il miglior telescopio o perché ci siano evidenti differenze nei prezzi dei vari modelli di cannocchiale, a parte il discorso qualità dei materiali e marca, è proprio la qualità dei benefici che va ad incidere prevalentemente sulla scelta che si va ad effettuare.

Si deve anche dire che, parlando di strumenti ottici di buona qualità, la meccanica (materiali e qualità costruttive) e l’ottica devono essere equamente valide per poter ottenere un buon risultato.

Vediamo brevemente quali sono dunque i tre rendimenti che abbiamo precedentemente accennato:

  • Il rendimento di natura geometrica è la reale capacità di ingrandimento di un oggetto e si valuta studiando le inclinazioni delle onde incidenti entranti ed uscenti e calcolando di quante volte l’anglo fra due onde emergenti sia maggiore dello stesso angolo formato dalle stesse onde entranti.
  • Il rendimento ottico definisce la qualità delle immagini. Minori sono la quantità di irregolarità e di aberrazioni, maggiore sarà la nitidezza dell’immagine e la conseguente capacità di osservare i particolari. Si indica come potere risolutivo di uno strumento ottico proprio la diminuzione della possibilità di percepire i particolari dell’immagine. Il rendimento ottico è quel valore che è dato dal rapporto tra il potere risolutivo reale e potere risolutivo teorico, cioè il limite teorico di un qualsiasi strumento ottico che possa essere considerato perfetto.
  • Il rendimento fotometrico è dato dalla misurazione dell’efficienza fotometrica e della luminosità, detto più semplicemente osservando la variazione del flusso luminoso una volta attraversato lo strumento ottico ed analizzando ciò che è stato perso durante il processo.

Come scegliere il proprio strumento ottico

Non tutti sono interessati a capire il funzionamento di uno strumento ottico ma di certo tutti sono interessati a scoprire ciò che praticamente può fare.

Strumenti ottici binocoloCome fare dunque, ad esempio, a scegliere il miglior binocolo per le proprie necessità?

Come fare a capire se, ad esempio, ad un bambino conviene regalare un binocolo giocattolo o un binocolo per principianti?

Sono alcune delle tante domande lecite che si pongono tutti coloro che non hanno grande familiarità con questo campo.

Il consiglio che ci sentiamo di dare, prima di procedere all’acquisto è capire innanzitutto a cosa realmente ci serve uno strumento ottico.

Come avviene per tutti i prodotti, acquistare un modello qualitativamente superiore può portare spesso ad un risparmio nel tempo poiché si ritarda di molto un ulteriore acquisto per un nuovo modello più performante.

Se invece siamo certi che è un capriccio da soddisfare o che il suo utilizzo sarà sempre lo stesso è inutile acquistare ad esempio un articolo sovradimensionato.

Inoltre è molto utile avere un feedback da chi ha già acquistato l’articolo desiderato.

Noi solitamente consigliamo l’acquisto online, il più delle volte su Amazon, poiché, oltre ad avere già un primo giudizio con le famose stellette delle recensioni, è estremamente facile incontrare storie di persone con le stesse nostre necessità, che hanno acquistato il binocolo o il telescopio che tanto desideriamo e, attraverso il loro racconto, possiamo capire se può realmente fare al caso nostro.

Bene, a questo punto, terminate le premesse di base, siamo pronti per immergerci in un modo fatto di binocoli e cannocchiali e telescopi, dove cercheremo di recensire n modo semplice e comprensivo i migliori strumenti ottici, i più apprezzati e con il miglior rapporto qualità/prezzo.

Vedremo cosa sono, come si differenziano tra loro, e in caso si decidesse di acquistarne uno, vedremo come fare a capire quale strumento ottico scegliere in base alle proprie esigenze ed in base alle proprie possibilità economiche.